Chi Siamo

L’Aero Club Locarno (ACL) è un’associazione regionale dell’Aero Club Svizzero.

L’ACL ha per scopo la difesa degli interessi regionali dell’aviazione sportiva e privata.

L’ACL riunisce quasi 400 membri ripartiti in 8 gruppi di 5 discipline nonché un buon numero di simpatizzanti.

L’ACL, tra l’altro:

si adopera per la difesa delle infrastrutture aeronautiche
difende il libero esercizio delle attività aeronautiche
tiene i contatti con le autorità
promuove manifestazioni aviatorie, concorsi per i giovani

Comitato attuale

Ravasi Nicola

Presidente

Nicoletta Casanova

Segretaria

Andrea Bärtschi

Rappr. aeromodellismo

Gody Züger

Rappr. volo a motore

Comitato

Roberto Genasci

Vice presidente, Cassiere

Marco Regina

Rappr. Paracadutisti

Luca Donati

Rappr. autocostruiti

Riccardo Colombo

Rappr. volo a vela

Dove siamo

Statuti

Vista la dimensione del documento, proponiamo gli statuti solo in forma PDF.
Scarica gli statuti in PDF

Cosa facciamo

L’ACL è particolarmente attivo nella promozione delle attività aviatorie presso i govani ed in particolare:

  • organizza “VOLERE-VOLARE”, manifestazione che permette ad una quarantina di giovani di conoscere le attività sull’Aeroporto Cantonale di Locarno e le differenti opportunità offerte dall’aviazione quale sbocco professionale e quale intelligente attività di svago
  • partecipa all’organizzazione e alla gestione del campo della gioventù “JULA” che si tiene ogni estate a S-Chanf in Engadina. Per un’intera settimana 150 giovani hanno così l’opportunità di vivere l’aviazione nelle sue più diverse forme
  • promuove le giornate YES (Young Eagle of Switzerland) che permette agli interessati di trascorrere, da soli, un’intera giornata sull’aeroporto con un pilota esperto. La giornata si conclude normalmente con un breve volo panoramico
  • collabora con il Gruppo Volo a Motore Locarno all’organizzazione della giornata TANDEM. La giornata permette ad un gruppo di giovani di avere un’introduzione al volo a motore durante le vacanze estive
  • partecipa a FIERE e manifestazioni regionali con stand informativi
  • organizza delle VISITE dell’aeroporto per centinaia di giovanissimi

Cenni storici

L’8 e il 9 luglio 1939, veniva inaugurato – con una grande manifestazione aerea – l’aeroporto doganale di Locarno, fortemente voluto dalla locale Sezione dell’Aero Club Svizzero (AeCS).
Il cammino che ha condotto a quei giorni non fu facile, molti gli ostacoli da superare, ma la volontà di un gruppo di uomini, con alla testa il pioniere aviatore ing. Italo Marazza , seppero realizzare l’aerodromo, dopo cinque anni di lotte, alle volte cruenti.

Nei primi anni Trenta, in Ticino esisteva unicamente il campo militare d’aviazione di Bellinzona , sul quale oltre all’aviazione militare operava la Sezione Ticino dell’AeCS , fondata il 22 ottobre 1923. In seguito la Sezione raggruppava piloti ticinesi, quali Olinto Carmine, Emilio Passalli, Renato Bobbia, Fernando Bonzanigo, Willy Jäggli, Sven Mumenthaler, Vittorio Frizzoni, Italo Marazza, Decio Bacilieri, Ivo Buetti; e si volava sul Tiger Moth HB-UTI . Ma poi l’armonia si guastò.

Nel marzo del 1934, il Consiglio di Stato approvò il messaggio che proponeva la costruzione di un aeroporto cantonale a Giubiasco e che avrebbe dovuto sostituire la struttura di Bellinzona. Contro il progetto insorsero tuttavia, con determinazione, i piloti locarnesi ritenendo che Locarno sarebbe stata l’unica e giusta sede per un aerodromo d’importanza cantonale. Da qui la decisione di costituire una sottosezione dell’AeC Ticino; subito imitati dai luganesi.

Nacque così, il 25 gennaio 1935, la Sezione Locarno dell’AeCS con l’obiettivo di creare a Locarno un aeroporto cantonale. Scartata l’idea di una struttura in zona Saleggi (fu esaminata anche la zona Saleggi di Ascona) si optò per la zona Piano di Magadino . Il 25 marzo 1937, l’Ufficio aereo federale rilasciò all’AeCS Sezione di Locarno l’autorizzazione a concretizzare il progetto di creare un aerodromo doganale sul Piano di Magadino. L’autorità cantonale archiviò il progetto di Giubiasco.

La Sezione AeCS di Locamo mise in atto una propaganda a tappeto per mettere in evidenza la problematica economica connessa alla realizzazione dell’aeroporto e impostare un sano sviluppo aviatorio nel Cantone. La campagna promozionale avvicinò con successo i giovani all’aeronautica in particolare all’aeromodellismo ed al volo a vela . Nel contempo con la collaborazione di diversi Comuni della regione iniziarono i lavori per la preparazione della pista in erba e per la costruzione dell’aviorimessa .
Vivo interesse all’opera fu dimostrato dalla Swissair che fece ampliare l’aviorimessa e – a partire dal 18 marzo 1940 – inaugurò la linea Locarno-Roma , affiancata – il 1. aprile – dalla destinazione Barcellona. Gli eventi bellici del maggio 1940 determinarono la sospensione dei voli con l’estero e la Swissair dovette così interrompere l’attività.

A partire dallo stesso anno, l’aeroporto venne aperto all’aviazione militare che impiantò una base con il compito di formare piloti e osservatori. Un’attività questa che si sviluppò sempre più, basti pensare che tutti i piloti militari svizzeri, a partire dal 1941, furono istruiti a Locarno. E che oggi è impegnata nella costruzione di nuovi edifici che andranno a sostituire le “baracche ” per un investimento di 14 milioni di franchi.
Anche l’attività civile del volo a motore , del volo a vela , del paracadutismo , a partire dal 1949, ha conosciuto un’evoluzione costante. Sull’area aeroportuale hanno la loro base la REGA (Guardia aerea svizzera di soccorso) a sud delle Alpi, una società di elicotteri per scuola e trasporti, la scuola di volo dell’Aero Locarno , e diverse altre importanti attività connesse all’aviazione. Complessivamente l’aerodromo dà lavoro a un centinaio di persone.

L’evoluzione del trasporto aereo commerciale non permette tuttavia di operare, per ragioni di sicurezza, sulle attrezzature aeroportuali esistenti. Così non possono fare scalo a Locarno velivoli che sarebbero interessanti per il turismo. La Crossair ad esempio non può fruire dell’aeroporto di Locarno.
L’Aero Club Locarno ha fatto opera d’informazione attiva, con l’organizzazione di giornate per le Autorità e con conferenze e manifestazioni varie, già a partire dal dopoguerra e in seguito, in modo particolare negli ultimi venticinque anni, per promuovere l’adeguamento dell’aeroporto alle esigenze del traffico aereo.
Dal 1955 l’aeroporto di Locarno è proprietà del Cantone Ticino.
Un progetto elaborato dal Governo (e approvato dal Gran Consiglio) per costruire una pista con i necessari edifici fu oggetto di referendum accolto in votazione popolare il 18 maggio 1969. Da allora la realizzazione di un aerodromo a Locarno, che permetta la prevista complementarità con quello di Lugano, è sempre allo studio. La sicurezza per i voli che interessano il Locarnese e il Bellinzonese non viene concretizzata, fatto questo che impedisce a traffici, turisticamente interessanti per le due regioni, di farvi scalo. Anzi – cosa assurda – neppure i DC-3 commerciali , che volavano sull’aeroporto sino al 1961, sono oggi autorizzati ad atterrare a Locarno.
Le difficoltà sollevate dalle associazioni protezionistiche – che si oppongono ai lavori di ampliamento – possono solo essere parzialmente comprese da chi crede nell’aviazione. Al riguardo basti pensare che se non ci fosse stato l’aerodromo, lo sviluppo edilizio e le iniziative degli anni ’60 avrebbero fatto sparire il verde esistente e forse anche le “Bolle “. Si potrebbe pensare che dietro a tanto accanito ostruzionismo, solamente contro l’aeroporto di Locarno, possano celarsi particolari interessi non sempre collimanti con l’interesse generale che si intende perseguire con il suo adeguamento.

Vantaggi di essere socio dell’Aero Club

– i miei interessi aeronautici sono salvaguardati a livello politico e sportivo
– ricevo ogni mese gratuitamente la rivista mensile ‘AeroRevue’: so che cosa succede e dove, e conosco le regole e le leggi
– con il mio numero personale di socio posso richiedere una consulenza giuridica gratuita
scrivendo a: [email protected]
– con la Member Card posso dimostrare subito i miei interessi aeronautici
– ho la possibilità di concludere delle convenienti assicurazioni AeCS
– conosco il mio futuro aeronautico
– Come giovane speranza o come sportivo attivo potrò ricevere i sussidi dello Swiss Olympic

Come aderire?

Iscriviti mediante il modulo di adesione e invialo, debitamente firmato, all’indirizzo indicato in calce al modulo stesso.
Benvenuto quindi nella grande famiglia dell’Aero Club!

Quanto costa?

La tassa sociale per l’desione all’Aero Club Locarno viene stabilita dall’Assemblea Generale dell’associazione.

Per l’anno in corso la stessa è di
– CHF 20.00 per i giovani fino a 18 anni
– CHF 25.00 per gli altri soci

L’appartenenza all’ACL comporta automaticamente anche l’affiliazione all’Aero Club Svizzero (AeCS). La quota centrale annuale è di CHF 30.00 per i giovani fino a 18 anni e CHF 58.00 per gli altri soci, comprensiva della rivista mensile Aero Revue.
Chi è gia affiliato all’AeCS, direttamente o tramite l’appartenenza ad un’altra associazione regionale, naturalmente pagherà questa tassa una sola volta!

Ovviamente l’eventuale iscrizione o appartenenza ad un gruppo affiliato all’ACL comporta pure il pagamento della quota sociale stabilita dal gruppo stesso.
Chi, pur non praticando un’attività aviatoria o comunque non desidera affiliarsi ad un particolare gruppo, vuole comunque essere membro dell’Aero Club, si può iscrivere come membro diretto, ossia simpatizzanze.

Gruppo affiliati all’Aero Club Locarno

Gruppo Volo a Motore Locarno

Gruppo Volo a Vela Ticino

Para Club Ticino

Squadra Paracadutistica Ticinese

Antiques and Replica Flying Museum

Gruppo Elimodellisti San Vittore

Gruppo Aeromodellisti Locarno e Valle Maggia

Gruppo Aeromodellisti Molinazzo-Bellinzona